fbpx
Raffaello Scuola Raffaello Scuola
Raffaello Scuola

Scopri tutti nostri libri per la scuola!


Vai su Raffaello Scuola
Celtic Publishing Celtic Publishing
Celtic Publishing

Marchio specializzato nelle lingue straniere


Vai su Celtic Publishing
Raffaello Ragazzi Raffaello Ragazzi
Raffaello Ragazzi

Libri attivi, cartonati d’autore e romanzi


Vai su Raffaello Ragazzi
Raffaello Digitale Raffaello Digitale
Raffaello Digitale

Prodotti interattivi e multimediale per la scuola


Vai su Raffaello Digitale
Raffaello Bookshop Raffaello Bookshop
Raffaello Bookshop

Il negozio online per acquistare tutti i nostri libri


Vai su Raffaello Bookshop
Raffaello Formazione Raffaello Formazione
Raffaello Formazione

Laboratorio di idee per rendere protagonisti i docenti


Vai su Raffaello Formazione
Be Happy Be Happy
Be Happy

Be Happy - Felici di crescere


Vai su Be Happy
01 Giugno 2023
Scuola: Primaria

Compiti per le vacanze: sì o no?

Ogni anno la fatidica domanda

Condividi

Chi come me insegna da molti anni sa quanto sia importante che le bambine e i bambini mantengano un minimo di esercizio durante l’estate.
Le motivazioni sono diverse.
La prima è che un piccolo “compito” da portare a termine in autonomia, in un tempo lungo come lo sono i tre mesi in cui i bambini rimangono a casa da scuola, può rappresentare l’avvio al rispetto di un impegno assunto, un modo per imparare a portarlo a termine con serietà e responsabilità.

La seconda è che il rientro a settembre è sempre un momento difficile per il recupero delle competenze acquisite nel corso dell’anno precedente.
Le maestre sanno bene quanto i bambini, durante l’estate, facciano rapidamente tabula rasa di quello che hanno imparato. E questo, se da un lato può sembrare giusto perché permette loro di staccare, rigenerando mente e cervello, dall’altro costringe ad impiegare più tempo al rientro dalle vacanze per riconquistare il pregresso e potersi dedicare ai nuovi apprendimenti.  Un piccolo impegno durante l’estate consente di rimanere “nella disciplina”, agevolando il “riaggancio” delle conoscenze precedenti.

La terza è che i bambini di oggi sono ignare vittime della tecnologia.
Qualche esercizio da fare su un opuscolo oppure su un quaderno può fornire un’occasione per consolidare un apprendimento, risultando una valida alternativa in grado di ridurre il tempo dedicato agli smartphone, ai tablet, alle Play Station, ai giochi online…

Naturalmente i compiti assegnati dovranno avere una dimensione “di buon senso” e andranno corretti. Altrimenti perderanno il loro valore. Ci sono molti modi per farlo. Veloci e interattivi.
Ma di questo riparleremo a settembre!

Passiamo ora ai compiti di lettura, che per me restano imprescindibili. Personalmente assegno tre libri (a scelta libera, grandi, medi, piccoli, spessi, sottili, poesie, fumetti, non importa) che dovranno portare con sé la prima settimana di scuola e commentare con la classe.

Altre attività da assegnare potrebbero essere di ordine più pratico come scrivere ricette “speciali” di cibi che hanno assaggiato oppure creare la guida degli itinerari percorsi, costruire la “scatola dell’estate” inserendo i ricordi più belli e significativi dei giorni trascorsi, non solo in vacanza, scattare qualche foto bellissima e utilizzarla come stimolo per raccontare, fare almeno cinque disegni liberi, farsi portare a visitare un museo recuperando i dépliant e tutte le informazioni possibili …

Spieghiamo ai genitori che devono insegnare ai figli l’autonomia condendola con un po’ di rigore. Senza vessarli ma aiutandoli a programmare le attività. C’è tutto il tempo: da metà giugno a metà settembre.
Fin dai tempi antichi, e per tempi antichi mi riferisco a quando io andavo a scuola, sono esistiti i compiti delle vacanze. Sono sicura che possono farcela anche i bambini e le bambine di oggi.

Scopri i nostri consigli di lettura per l'estate con Storie sotto il sole!

newsletter

Flavia Franco

Insegnante di scuola primaria, tutor di scienze della formazione primaria, autrice di testi ministeriali e di narrativa, formatrice esperta di didattica della letto-scrittura, giornalista, blogger.

Condividi


Ultimi articoli


Keep it simple CLIL!
| Mariana Laxague | Celtic, Primaria
Let's CLIL!
| Mariana Laxague | Celtic, Primaria
Le storie e il “topic approach”
| Marisa Agostinelli e Paola Traferro | Celtic, Primaria, Secondaria
Perché favorire la lettura in lingua straniera?
| Marisa Agostinelli e Paola Traferro | Celtic, Primaria, Secondaria

Articoli correlati

In partenza per l’estate!

Leggere per emozionarsi

Leggere per imparare

Raffaello Libri S.p.A. | Sede Legale: Via dell'Industria, 21 - 60037 Monte San Vito (AN) | C.F. e P.IVA 01479570424 | R.I. Ancona | REA AN-145310 | Capitale Sociale: €1.000.000,00 i.v.

Privacy Policy Cookie Policy